Ricognizione danni avversità atmosferiche dal 2 febbraio al 19 marzo 2018



Si avvisa la Cittadinanza che, a seguito delle avversità atmosferiche verificatesi nel periodo dal 2 febbraio al 19 marzo 2018, la Provincia di Reggio Emilia sta facendo una ricognizione dei danni provocati al Patrimonio Privato, Attività Economiche e Produttive, Aziende Agricole e Agroindustriali.

Il soggetto dichiarante deve compilare la scheda B o C (IN ALLEGATO) e inviarle al Comune (preferibilmente via PEC) debitamente compilate in tutti i campi.

La ricognizione deve essere eseguita tramite la compilazione da parte dei soggetti interessati (proprietari dell’immobile o eventualmente conduttore o beneficiario rispettivamente, titolari delle

attività economiche/produttive interessate, Amministratore di condominio per le parti comuni) delle schede B e C:

- SCHEDA B - “Ricognizione del fabbisogno per il ripristino del patrimonio edilizio privato, dei beni mobili e dei beni mobili registrati”

- SCHEDA C - “Ricognizione dei danni subiti dalle attività economiche e produttive”

In caso di condomini le singole segnalazioni, unitamente a quella eventuale relativa alle parti comuni, possono essere raccolte dall’Amministratore condominiale e inviate al Comune in un unico fascicolo, corredato da una nota di sintesi sul numero di unità immobiliari e sul fabbisogno necessario per l’intervento di ripristino, distinguendo gli interventi e il relativo fabbisogno sulle parti comuni.

Nella segnalazione, oltre alle generalità del dichiarante e ai dati identificativi dell’immobile, dovranno essere indicati:

- la situazione attuale dell’immobile e se lo stesso risulta essere stato evacuato a causa dell’evento;

- una descrizione sommaria dell’immobile inserita nel contesto dell’edificio in cui è ubicato;

- una descrizione dei danni riscontrati;

- una valutazione sommaria del fabbisogno necessario per il ripristino del danno.

Nella scheda dovrà essere altresì indicata l’assenza o l’esistenza di un apposito titolo di rimborso determinato da relative coperture assicurative. Dovrà anche essere specificato se il rimborso eventuale è già stato quantificato dalla compagnia assicurativa.

Dovrà inoltre essere dichiarato che le unità immobiliari danneggiate sono conformi alle disposizioni previste dalla normativa urbanistica, di pianificazione territoriale di settore ed edilizia e, quindi, non sono state realizzate in difformità o in assenza delle autorizzazioni o concessioni previste dalla legge, e dovrà essere dichiarato il nesso di casualità con l’evento.

IL TERMINE MASSIMO per la consegna è fissato per il 24 settembre 2018.

Si ricorda anche che la ricognizione dei danni non costituisce riconoscimento automatico dei finanziamenti per il ristoro degli stessi, ai sensi del comma 4 art. 9 dell’OCDPC 533/2018.

  • OKNotizie
  • Google Bookmarks
  • Condividi: